sabato 11 febbraio 2012

Blackout innevato

 
Venerdì 10 febbraio, ore 19, salta la corrente elettrica. 

Nevica da cinque/sei ore. Il computer ti pianta in asso sul più bello ("t'avevo detto di salvare…"), ti sposti da una stanza all'altra e continui imperterrito ad accendere e spegnere inutilmente ogni interruttore.

Si esce in strada, una bizzaria impertinente: blackout random, ogni quattro/cinque case.

Candela


Incredibile efficienza dell'Enel: arriva una squadra alle 21, comincia une verifica estenuante. Sta nevicando ormai da ore, in maniera fitta, sistematica, incessante.
Fuori ormai lo scenario è questo.
Il comune è aperto, il sindaco è attaccato al telefono, scambiamo qualche parola. Sono ancora più convinto: piccolo è bello.
Ore 23, i ragazzi dell'Enel stanno verificando l'una dopo l'altra una serie di collegamenti, ovviamente ghiacciati. Le neve cresce.
Alla fine, verso l'una si trova il guasto. Strade deserte, silenzio di tomba. 
Torna la corrente elettrica, qualcuno si affaccia alla finestra. Le case non erano vuote!
Si va a letto sollevati.


Al mattino lo scenario è glaciale.

Faccio due passi in paese. 
In alcuni punti c'è stato un accanimento non... terapeutico
 








  


È difficile comandare alla natura

Nessun commento:

Posta un commento