sabato 1 novembre 2014

Sorella morte


Camposanto vuoto,  
come sospeso 
su un labirinto
di volti impietriti.
            
Brandelli di vita
affiorano al sole,
un intreccio di mondi spezzati,
che rincorrono i tuoi passi.

Oltre quel muro,
dilaga lontano
la frenesia del vivere.

Un povero confine di pietra
posto a custodire
il mistero
della grande distanza.

Giorno dopo giorno,
nel dileguare dei volti,
s'addensano i secoli
sopra questo lembo
di terra trafitta,
ove preme e s'accalca
la folla dei morti,
per ritrovare futuro.
 

Nessun commento:

Posta un commento