venerdì 21 luglio 2017

I tre insegnamenti dei "detrattori" di papa Francesco

Mi ero ripromesso di non scrivere più nulla, in interlocuzione con la lobby -  molto attiva sui social - dei detrattori a spada tratta di papa Francesco. Anche perché, ormai, tutte le frecce risultano sistematicamente spuntate e sul tappeto, alla fine, resta solo polvere. Molto probabilmente, fra qualche anno, quando ci sarà un minimo di distanza storica, questa sarà a malapena ricordata come una delle tante, patetiche battaglie di retroguardia che, nella lunga storia della Chiesa, hanno cercato invano di ostacolare il suo cammino.
Già ora l'attacco sistematico al papa appare frutto di una chiusura pregiudiziale. È umanamente impossibile per ogni essere umano, animato dalle migliori intenzioni, non riuscire a combinare nella propria vita nulla di buono: per questo, raccogliere e rilanciare notte e giorno solo giudizi negativi contro Francesco, senza mai dare conto di qualche frutto positivo, è un'operazione che si scredita da sola. Nel migliore dei casi una prevenzione ideologica, nel peggiore una strategia diffamatoria che ha qualcosa di diabolico. 
Basterebbe almeno riconoscere, sportivamente, l'attività caritativa diffusa che il papa promuove, senza suonare tante trombe, a favore dei poveri, recentemente descritta come "la carità nascosta di papa Francesco"
Nemmeno un cieco, d'altra parte, potrebbe negare i risultati della diplomazia vaticana, ispirata da Francesco: in un suo blog (peraltro più equilibrato che "schierato"), Iacopo Scaramuzzi ha scritto: "Jorge Mario Bergoglio, insomma, muove le cose. Non sono solo parole. E non è solo brillante politica estera, le mediazioni vaticane a Cuba e nel resto dell’America Latina, lo scontro con Donald Trump, il riavvicinamento a Cina, Iran, Russia, paese quest’ultimo dove il cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin si recherà in visita quasi certamente nel mese di agosto". 
Aggiungerei i risultati dello straordinario viaggio in Egitto, appena descritti, in modo sobrio e documentato, da Enzo Romeo, sull'ultimo numero di Dialoghi ("Francesco il tessitore: la sfida del dialogo contro il fanatismo", Dialoghi, 2/2107). 
Ancora più deplorevole e quasi rivoltante l'uso del dramma di Charlie Gard, il bimbo inglese affetto da una rara sindrome da deperimento mitocondriale: mentre Francesco - discretamente e concretamente - stava attivando l'Ospedale pediatrico "Bambino Gesù", è partito un tam tam indecente sul suo presunto "silenzio". Evidentemente qualcuno sogna un magistero papale fatto di declami e anatemi, dietro ai quali l'inerzia più totale sarebbe un corollario irrilevante.
Voglio però intervenire ancora una volta, cercando di volgere in positivo la lettura del fenomeno, dal quale si potrebbero ricavare almeno tre insegnamenti:

1) Anzitutto, l'accanimento contro papa Francesco testimonia chiaramente, a contrario, l'altezza della sua figura e la limpidezza del suo operato; in una parola, la sua autenticità evangelica. Se infatti, dopo aver fatto le "analisi del sangue" all'intera biografia di Bergoglio, fin nelle pieghe più riposte della sua vita, si continua ad andare avanti così, cioè riciclando il nulla, possiamo stare davvero tranquilli. Per la verità, molti di noi non avevano dubbi: ma ormai ce ne viene offerta una motivazione ulteriore, ad abundantiam. Se gli unici argomenti contro il papa sono un conclave illegittimo, o il fatto che egli chieda un avvicendamento alla Congregazione per la dottrina della fede in seguito alla scadenza ordinaria di un mandato, o invocando addirittura il cardinale Martini (ritenuto sempre inaffidabile e ora trasformato in una auctoritas), vuol dire che abbiamo davvero un santo papa. È stato raschiato il fondo del barile, lasciamo che i morti seppelliscano i morti.

2) In secondo luogo, gli attacchi a papa Francesco contengono in se stessi la misura della loro contraddizione e in un certo senso ci offrono un criterio per distinguere in modo inequivocabile parresia e maldicenza. Come ha scritto qualche tempo fa Andrea Grillo, quanti hanno condotto una crociata intransigente contro il moderno rischiano di diventare vittime di una "sindrome di Stoccolma", incarnando in loro proprio quelle forme di soggettivismo relativistico e di individualismo anti-istituzionale che hanno combattuto per anni! Il rispetto della suprema autorità che i cristiani riconoscono al vicario di Cristo e successore di Pietro dovrebbe suggerire altri atteggiamenti, altre parole, un'altra umiltà e, alla fine, anche il silenzio. Molti di noi, in passato, hanno avuto qualche perplessità e alcuni dubia su singole prese di posizione dei pontefici precedenti e hanno scelto la via del silenzio e della preghiera, sapendo bene l'uso strumentale che sarebbe stato fatto di alcune prese di posizione. La linea che separa il silenzio dalla chiacchiera potrebbe essere anche quella che distingue un buon cristiano da un provocatore.

3) Infine, questa marea montante di acredine fine a se stessa c'insegna che i veri problemi della Chiesa oggi sono altri: sono le grandi sfide dell'annuncio del Vangelo, delle forme della testimonanza cristiana, della santità nella ricerca di sintesi credibili - antiche e nuove - fra Parola, liturgia e carità, fra l'altezza della Rivelazione e le fragilità della storia. Oscurare e persino occultare queste sfide, trasformando la vita ecclesiale in un derby fra bergogliani e antibergogliani, stimolando la nascita di opposte tifoserie, è un'operazione spericolata e profondamente - questa volta sì - antievangelica. Chi crede che agitare qualche rassicurante parola d'ordine garantisca un'esenzione a prescindere da ogni altra forma d'impegno, c'insegna, ancora una volta a contrario, qual è il pericolo più grande oggi per un cristiano: ridurre il cristianesimo a una grande sceneggiata mediatica, frivola e mondana, di fronte alla quale basta dichiarare da che parte si sta. Anche rimanendo in pantofole, tranquillamente sprofondati nella poltrona di casa. 

lunedì 17 luglio 2017

La trappola di Hayek e il destino dell'Europa

Raramente capita di imbattersi in un librettino minuscolo - sì e no cinquanta pagine - da leggere tutto d'un fiato, in cui sono discusse tesi tanto importanti e chiamati in causa interlocutori così autorevoli. Philippe Van Parijs è un filosofo ed economista che insegna all'università cattolica di Lovanio, buon amico di John Rawls, uno dei più influenti filosofi morali e politici del '900, con il quale ha avuto contatti importanti, documentati anche da uno scambio di lettere, di cui qui viene riportato un documento interessante.
L'oggetto del libro, tradotto e introdotto da Luigi Minelli, è il futuro dell'Europa e la discussione viene idealmente ricostruita chiamando in causa quattro figure di prima grandezza: da un lato, Van Parijs e John Rawls, che convengono su un impianto di fondo, pur distinguendosi su una tesi specifica; da un altro alto, Friedrich von Hayek, padre del neoliberalismo e critico implacabile dell'intervento statale in economia, e Margareth Tatcher, prima donna ad aver ricoperto la carica di Primo ministro nel Regno Unito dal 1979 al 1990.
Il futuro dell'Europa, secondo l'autore, dipende fondamentalmente dalla possibilità di uscire dalla "trappola di Hayek": il suo argomento si sviluppa a partire dal presupposto che ogni intervento politico in economia è dannoso e si  conclude asserendo che in ogni caso tale intervento è possibile solo in comunità politiche sufficientemente omogenee, quali non possono essere invece le federazioni tra Stati con storie, lingue e tradizioni diverse. Meno che mai, quindi, l'Europa. 
Per un verso, dunque, una forma di mercato comune svincola l'economia dal controllo degli Stati nazionali (e questa sarebbe l'"utopia liberista" di cui avremmo bisogno); per altro verso, un'entità politica sovranazionale non potrà mai avocare a sé quei vincoli politici che si accettano solo da un “governo di compatrioti" e non certo da un "gpverno di stranieri".
Questa è stata esattamente la linea di Margareth Tatcher, rileva Van Parijs, che sostenne con grande forza l'unificazione del mercato comune, opponendosi a ogni forma di "Europa politica". In poche parole: sì all'"utopia liberale" di Hayek, no all'"utopia federale" europea. Van Parijs commenta così l'attuale contenzioso intorno alla Brexit, che continua ad essere ispirato dal pensiero della Tatcher: "Lasciateci Brexit, ma una Brexit leggera, così da poter mantenere intatta la nostra capacità di sabotaggio" (p. 31).
La linea di Van Parijs cerca un'alternativa al dilemma che sta soffocando il futuro dell'Europa: o la gabbia del neoliberalismo, che usa l'Europa per togliere di mano alla politica il controllo dell'economia, o le suggestioni nazionaliste e populiste, che pesano sempre di più sull'opinione pubblica europea.
L'Autore non dubita che si debba stare dalla parte di Rawls, contro Hayek e Tacher, anche se, a differenza di Rawls, rietiene che, al punto in cui siamo, abbiamo bisogno di un'Europa federale, sempre più simile agli Stati Uniti, nel senso di rafforzare le istituzioni federali e insieme favorire la nascita di demos europeo. Tale demos dovrà preservare la diversità linguistica e favorirel a condivisione di una lingua franca come l'inglese, che, dopo Brexit, può funzionare ancora meglio come mezzo di comunicazione neutrale.
È questa l'"utopia coraggiosa" di cui abbiamo bisogno per garantire un vero futuro all'Unione Europea. Un compito pieno di ostacoli, ma la vera politica è un "lento e faticoso superamento di ostacoli", conclude l'Autore, con una splendida citazione di Max Weber. È il compito, secondo Weber, di ogni vero capo, anzi di un vero eroe: "E anche coloro che non sono capi né eroi devono armarsi di quella fermezza interiore che è in grado di reggere al crollo di ogni speranza". Di questo impegno abbiamo bisogno, conclude Van Parijs, per "rendere possibile domani quello che oggi è, o sembra, impossibile" (p. 40).
In un'epoca in cui la rete continua ad intossicare il dibattito pubblico con uno smog irrespirabile, fatto di luoghi comuni assolutamente privi di senso storico, e
pregiudizi grossolani, frutto di un mix insopportabile di dilettantismo e volgarità, per fortuna c'è ancora chi, senza sprecare parole inutili, sa andare dritto all'essenziale, onorando l'antica regola di cominciare a parlare assicurandosi prima di aver acceso il cervello. 


Il libro
Philippe Van Parijs, La trappola di Hayek e il destino dell'Europa, a cura di E. Minelli, Morcelliana, Brescia 2017, € 7.