venerdì 18 agosto 2017

In memoria di una infinita strage degli innocenti…






Quando la strage degli innocente serve al potere...

«Quando Erode si accorse che i Magi si erano presi gioco di lui, si infuriò e mandò a uccidere tutti i bambini che stavano a Betlemme e in tutto il suo territorio e che avevano da due anni in giù, secondo il tempo che aveva appreso con esattezza dai Magi. Allora si compì ciò che era stato detto per mezzo del profeta Geremia:

Un grido è stato udito in Rama,
un pianto e un lamento grande:
Rachele piange i suoi figli
e non vuole essere consolata,
perché non sono più»
 (Mt 216-18)


… e genera uno strazio indicibile...


Ettore muore, e Troia viene espugnata. I Greci trionfanti uccidono il figlio di Ettore, Astianatte, precipitandolo dalle mura della città. La regina Ecuba, sua nonna, lo piange così, quando le viene portato sullo scudo del padre:
«O Achei, che menate vanto maggiore di bravura che non di senno, perché avete perpetrato questo crimine inaudito? Per paura di un bambino? Forse perché egli non risollevasse un giorno Troia abbattuta? Valevate dunque ben poco, quando noi soccombevamo, nonostante il valore di Ettore e di infinite altre braccia; e ora che la città è stata presa avete avuto paura di questo bambino?
O diletto, qual misera morte ti colse! Sventurato, come miseramente le patrie mura ti spogliarono il capo dei riccioli, che tua madre spesso pettinava e copriva di baci! Ora dalle ossa infrante ride la strage, e non dico l’orrore. O mani, che dolce somiglianza avevate con quelle del padre, eccovi qui, davanti a me, spezzate nelle giunture. O bocca adorata, che pronunziavi parole così fiere, sei spenta!
Tu mi mentisti, quando venendo nel mio letto, dicevi: “Nonna, reciderò per te i miei riccioli folti e ti accompagnerò con i miei compagni al sepolcro, rivolgendoti cari saluti”. Non tu me seppellisci, ma io, vecchia, senza patria, senza eredi, seppellisco il tuo misero cadavere, te così giovane!»


(Euripide, Le troiane, traduzione di Dario Del Corno)


… non dimentichiamo il valore della vita…

« L’uomo combatte continuamente contro la morte. Esso alla morte deve disputare, contrastare, ritogliere quanto può. La nostra vita è gelida e noi abbiamo bisogno di calore; la nostra vita è oscura e noi abbiamo bisogno di luce: non si lasci spegner nulla di ciò che può dar luce e calore: una favilla può ridestare la fiamma e la gioia! Non si lasci morir nulla di ciò che fu bello e giocondo»

(Giovanni Pascoli, Pensieri e discorsi)


… e non rinunciamo a soffrire per la giustizia

«Don Abbondio stava a capo basso: il suo spirito si trovava tra quegli argomenti, come un pulcino negli artigli del falco, che lo tengono sollevato in una regione sconosciuta, in un’aria che non ha mai respirata. Vedendo che qualcosa bisognava rispondere, disse, con una certa sommissione forzata: - monsignore illustrissimo, avrò torto. Quando la vita non si deve contare, non so cosa mi dire. Ma quando s’ha che fare con certa gente, con gente che ha la forza, e che non vuol sentir ragioni, anche a voler fare il bravo, non saprei cosa ci si potesse guadagnare. È un signore quello, con cui non si può né vincerla né impattarla.
- E non sapete voi che il soffrire per la giustizia è il nostro vincere? E se non sapete questo, che cosa predicate? di che siete maestro? qual è la buona nuova che annunziate a’ poveri? Chi pretende da voi che vinciate la forza con la forza? Certo non vi sarà domandato, un giorno, se abbiate saputo fare stare a dovere i potenti; che a questo non vi fu dato né missione, né modo. Ma vi sarà ben domandato se avrete adoprati i mezzi ch’erano in vostra mano per far ciò che v’era prescritto, anche quando avessero la temerità di proibirvelo»


(Alessandro Manzoni, I promessi sposi, cap. XXV)

venerdì 4 agosto 2017

Buon compleanno, Charlie Gard

Oggi Charlie Gard avrebbe compiuto il suo primo anno di vita. La sua vicenda, resa paradossale e atroce da una singolare concomitanza di fattori (può essere utile, tra le altre, la ricostruzione del Corriere della sera), ha commosso il mondo intero.
Ormai non è più il caso di usare la sua storia per rassicurarci con facili capri espiatori; del resto, a questo (s)proposito abbiamo ormai sentito di tutto: i pediatri inglesi negligenti e crudeli, la giustizia cieca, la burocrazia lenta, i genitori troppo protagonisti, il medico americano opportunista, persino un papa reticente ed evasivo… Sulla tua fragile esistenza, caro Charlie, si sono dati appuntamento tutti i fattori che più possono imbrogliare la matassa della vita, insieme a un repertorio di luoghi comuni grossolano e insopportabile. Su quella linea di frontiera esilissima in cui accanimento ed eutanasia si fronteggiano, invece di disporci a una pietà responsabile e solidale, molti di noi hanno preferito esorcizzare smarrimento e impotenza, nascondendosi dietro slogan vuoti e sicurezze fasulle. 
Molto probabilmente la medicina non avrebbe potuto salvarti; proprio per questo, però, il vero accanimento che avremmo dovuto evitare è stato quello legale, che si è interposto fra la tua vita e quella dei genitori, di fatto espropriandoli della loro patria potestà.
In realtà, caro Charlie, con la tua vicenda hai messo a nudo che nella tua vita fragile e preziosa sei semplicemente uno di noi; che anche la nostra vita, come la tua, è in bilico sull'orlo di un abisso e, a volte (non sempre, per fortuna), il progresso tecnologico contribuisce a rendere ancora più instabile e sgretolabile il terreno sul quale poggiamo i piedi.
Mentre da una parte moltissime persone avrebbero fatto chissà che cosa per salvarti la vita, la cronaca nera avvelena i nostri giorni con i delitti più efferati e gratuiti: stupri, droga, femminicidi, omicidi/suicidi. I nostri ragazzi continuano a morire, giorno dopo giorno, senza sapere perché, sostanzialmente per overdose di violenza, dis-ordine degli affetti, accanimento narcisistico.
Oggi i tuoi genitori, caro Charlie, avrebbero preparato una bella torta di compleanno; quella torta che nemmeno molti bimbi siriani, africani, delle terre più insaguinate del mondo potrebbero mai assaggiare.
Per molti di noi non saresti dovuto morire, per altri purtroppo non saresti dovuto nascere. Nello stesso tempo, persone più fortunate e sane di te stanno buttando la loro vita e quella degli altri con una leggerezza spaventosa. La stessa società che stenta a riconoscere il diritto di vivere dei malati, accetta cinicamente il diritto di morire dei sani
È questo il vero dramma del nostro tempo, che né la tecnologia, né il diritto, né il circo mediatico con tutta la sua corte assatanata di scoop riusciranno mai a risolvere: perché vivere, se dobbiamo morire? Perché morire, se possiamo vivere?
Caro Charlie, martire e fratello della nostra fragilità che ci fa tanto paura, angelo innocente e compagno discreto delle nostre solitudini disperate, facci giungere un raggio di quella luce purissima che ora fa splendere eternamente la tua vita risanata. I ciechi hanno bisogno di luce, soprattutto quando sono convinti di vedere, mentre riescono a malapena a vivere in compagnia solo della propria ombra.