lunedì 15 gennaio 2018

I CONFLITTI di VALORE nello spazio PUBBLICO


Con questo volume, che raccoglie i risultati del VII “Colloquio di etica” (Macerata, 19-20 ottobre 2016), il quadro delle questioni affrontate e discusse nei Colloqui precedenti si amplia ulteriormente. Dopo una prima fase, dominata da temi di etica della cura, l’attenzione si è andata progressivamente spostando dalla sfera dei “rapporti corti” a quella dei “rapporti lunghi”, dove le forme dell’abitare e la cura dei conflitti disegnano nuovi e complessi scenari problematici. In tale ampliamento di prospettiva, questo libro intende misurarsi con almeno due paradossi, che oggi sembrano pesare sul presente e sul futuro della convivenza: da un lato, il paradosso dei valori, per un verso intesi come orizzonti di senso alti e moralmente vincolanti, grazie ai quali si plasma il vissuto personale e collettivo (per questo invocati come fonte di ethos condiviso e argine alla logica del più forte), per altro verso ritenuti addirittura un ostacolo sulla via di una coesistenza pacifica; da un altro lato, il paradosso dello spazio pubblico, tradizionalmente considerato come il crocevia aperto e inclusivo in cui prossimità e distanza, “rapporti corti” e “rapporti lunghi” possono trovare un punto di equilibrio nel riconoscimento di un bene che accomuna, e oggi al contrario sospettato di essere ormai un incubatore di conflitti insanabili.

Tali conflitti sono per molti versi una variabile fisiologica nelle crisi congiunturali delle moderne società democratiche, ma possono di fatto degenerare, trasformandosi nell’anticamera di una ostilità dilagante e persino cavalcata da poteri più o meno invisibili, se l’etica pubblica si dichiara per principio incapace di riconoscerli, giudicarli e ordinarli, e se la politica rinuncia a governarli di conseguenza. Il dibattito intorno alla nozione di “spazio pubblico” viene da lontano e nasce da domande che hanno trovato nel pensiero moderno spesso risposte solo parziali e ambivalenti; l’epoca contemporanea si trova a dover gestire tali risposte in molti casi come una eredità ingombrante e tuttavia ineludibile. Molte questioni intorno alla genesi, alla natura, alla “tenuta” civile e istituzionale del “pubblico” si addensano, in effetti, proprio intorno al punto di d’intersezione fra il perimetro del privato e quello del pubblico…



INDICE

Luigi Alici, Invito alla lettura


I. Valori e conflitti

P. Bojanic, Violenza e convivenza. Atti sociali, atti non-sociali (nichtsoziale Akte), azioni negative e a-sociali
G. Fraisse,
Genealogia dell’emancipazione
L. Eusebi,  La colpa e la pena: ripensare la giustizia
F. Falappa, Conflitto e dialogo tra le culture del mondo: una riflessione a partire  da Karl Jaspers
S. Pierosara,
Sfera privata e autonomia personale: valori assoluti o relativi?
P. Monti, Conflitti morali ed etica della riconciliazione: fra deliberazione e danno


II. Prossimità e comunità

F. Botturi, Globalizzazione e istanza di comunità
F. Stoppa, La funzione civile delle istituzioni nella rigenerazione dello spazio pubblico
S. Veluti, An-arché. Note sull’origine plurale dell’agire nel pensiero di R. Schürmann
S. Grigoletto,
Spunti per il superamento del conflitto di valori a partire dal concetto di prossimità
F. Porcheddu, Ripensare il confine. Passando per Nancy



Luigi Alici (a cura di), I conflitti di valore nello spazio pubblico. Tra prossimità e distanza, Aracne, Roma 2017, pp. 161, € 15.

Nessun commento:

Posta un commento